la libertà parte dal cibo

Archivio Tags

cibo

Otto metri quadri al secondo, zero cibo per 19 persone ogni ora

di PAOLO PILERI   09 Febbraio 2013 Articolo raccolto sul web atto ad avvicinarci al pensiero del Prof. Pileri, relatore nel prossimo convegno di Mercoledì 2 Dicembre 2015 a Bassano del Grappa (VI). Consumo di suolo non è solo devastazione del paesaggio e della natura. E’ anche minaccia all’alimentazione. Una riflessione sollecitata dal rapporto ISPRA presentato il 5  febbraio 2013 a Roma. I dati presentati dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) lo scorso 5 febbraio fanno fare un passo in avanti al nostro Paese, aumentando la consapevolezza verso un tema di enorme attualità ed urgenza e mettendo le istituzioni in una posizione di rapida decisione in merito. Ma il tema del consumo dei suoli è anche urgente perché è straordinariamente legato alla contrazione della produzione di cibo. Insomma per forza di cose, se avanza il cemento, indietreggia il cibo. E se indietreggia il cibo, aumenta la dipendenza di una nazione dall’approvvigionamento di materia prima agricola dal mercato estero. E probabilmente il continuo aumento di questi ultimi anni della nostra spesa per importare rispetto a quella per esportare cereali e prodotti agricoli di base non è disgiunto dai consumi di suolo agricoli. Nel 2011 il saldo tra import ed export agricolo è di molto peggiorato andando a -1,2 Miliardi di EURO contro i -768 milioni del 2010…insomma spendiamo sempre di…

Continua la lettura..

Berrino: Un ponte per Bassano di Renzo Masolo

Carissimi, Vorrei cercare di capire cos’è successo la sera di lunedì 2 marzo a Bassano. Non volevo commentare a caldo il giorno dopo, ma volevo prima sentire le impressioni della gente, le critiche, le vostre sensazioni… Per questo per qualche giorno ho ascoltato, ho chiesto a molti, moltissimi che incontravo e che erano stati al PalaBruel, come avevano vissuto quella indimenticabile serata. Quella sera più di tremila persone sono uscite da casa per recarsi ad un importante evento. Non si trattava di un concerto di un famoso gruppo musicale, non si trattava di una finale di calcio o di hockey, non si trattava di uno spettacolo di un importante comico, nulla di tutto questo. Al PalaBruel c’era il Dott. Franco Berrino che parlava di SANA ALIMENTAZIONE! Tremila persone attente ed entusiaste, moltissime in piedi, molte sedute sulle scale delle gradinate, molte sedute per terra. Tantissime sono rimaste fuori in quanto ad un certo punto, per motivi di sicurezza, è stato necessario chiudere le porte per impedire alla gente di entrare… Quando sono salito sul palco per dare inizio alla serata è partito subito un applauso: ancora prima di sentire quello che aveva da dire, il pubblico ha ringraziato il dott. Berrino per essere su quel tavolo; tutta quella gente era contenta di essere #atavolaconberrino, come si leggeva in quei giorni…

Continua la lettura..

TERRACHIAMA: UN’OPERA IN TRE ATTI

domenica 18 maggio 2014 ATTO PRIMO: SEMINARE   Per prima cosa conosci il cibo. Dal cibo tutti gli esseri sono nati, col cibo essi vivono, verso il cibo essi muovono Al cibo tutti ritornano.  (Upanishad)                    La legge del seme Il seme è il primo anello della catena alimentare. E’ l’essenza della continuità e della rinnovabilità della vita, della diversità biologica e culturale degli esseri viventi. Per noi esseri umani, inoltre, contiene in sè la cultura e la storia. E’ il simbolo perfetto della sicurezza alimentare.   Il futuro delle sementi è il futuro della terra e dell’umanità. Le sementi sono alla base della nostra alimentazione e quindi della nostra esistenza; sono probabilmente il più antico e prezioso patrimonio dell’umanità, che è stato sviluppato nel corso degli ultimi 12.000 anni da generazioni di coltivatori in tutto il mondo. Nella situazione e nel destino delle sementi sta avvenendo una trasformazione silenziosa. L’agricoltura e le monoculture industriali, la privatizzazione della ricerca, delle conoscenze e dello sviluppo in agricoltura, e l’introduzione di piante geneticamente modificate stanno sollevando quesìti profondi sulla conservazione, la distribuzione equa e lo sviluppo delle sementi, e sulla possibilità di contaminazioni irreversibili. Il controllo sulle riserve e le caratteristiche delle sementi in mano ad un gruppo ristretto di imprese private crea una concentrazione di potere senza precedenti con tutte…

Continua la lettura..

Torna SU